Domande

Unione Europea e Corporazione Vaticana


dave

Ciao
scusa ma non potrebbe accadere che l'Unione Europea, in quanto entitia' sovrannazionale, faccia una direttiva che imponga all'Italia d'abolire l'8 per mille o qualcun altro degli infiniti privilegi del Vaticano in Italia?


caro dave,
la tua osservazione non è sbagliata.
Non è un caso, infatti, che nella nuova Costituzione europea, mentre il Vaticano faceva la voce grossa per metterci dentro "le radici cristiane", sottobanco otteneva un articolo che, riconoscendo la "dimensione pubblica delle chiese", sanava i patti esistenti tra esse e gli stati nazionali, sebbene contrari ai tratttati europei...!

Un saluto da Toronto!


Filippo Pucci

Ciao Mario,mi chiamo Filippo e ti scrivo da Toronto.
Sono un vecchio simpatizzante radicale dal 1979,quando sedicenne durante la notte, a letto, mi mettevo la mia voluminosa radio sul petto e ascoltavo Radio Radicale e Pannella.Nel 1986 sono stato anche iscritto,poi per vicessitudini economiche non ho potuto piu` farlo.Devo ammettere pero` che la quota minima d'iscrizione non e` poi cosi` "allettante"!
Vivendo in Canada da sette anni ho toccato con mano cosa vuol dire sistema maggioritario uninominale secco e quindi dico a tutti (noi...) di andare avanti con questa battaglia perche` e` questa l'unica,possibile alternativa allo sfascio della politica-teatrino italiana.
Con affetto,Filippo.
P.S. Volevo sapere se e` possibile ricevere Notizie Radicali qui dove vivo. Grazie


ciao filippo,innanzitutto veramente grazie per avermi scritto.
sono veramente curioso di sapere come hai trovato il mio sito e perche hai scritto a me.
hai perfettamente ragione, il maggioritario è lo strumento per superare le pastoie e le pastette italiane, ma l sai che qui l'informazione è di regime per cui anche se le persone sono per questa soluzione se decidono che nessuno deve poterlo dire in tv cosi sarà.
Noi radicali pero non ci arrendiamo e quindi denunciamo e lottiamo per affermare il diritto.
la tessera si costa, ma anche nel 1986 era una buona cifra.
grazie a questi soldi come sai siamo riusciti a fare il tribunale internazional per i crimini di guerra ed adesso la moratoria pena di morte.
per essere rivoluzionari, per conquistare grandi riforme al mondo sono spesso servite vite umane. Noi del Partito radicale ci limitiamo a chiedere qualche centinaia di euro...!
Filippo, un abbraccio e a presto con noi!

Censura della rivista Mucchio Selvaggio


dave

Ciao
scusa se ti disturbo, ti segnalo questa notizia molto importante d'un po' di tempo fa di cui nessuno ha parlato.

http://www.indie-zone.it/public/read.asp?id=156

Spero che tu o Michele De Lucia o Maurizio Turco interveniate con un comunicato o con un'interrogazione parlamentare.

Grazie a presto,

-- dave


Grazie della segnalazione dave, lo faccio subito presente ai nostri parlamentari

Si insabbia la verità, nessuna giustizia?


federica

ROMA - La commissione Affari Costituzionali della Camera boccia la proposta di legge per istituire una commissione di inchiesta sul G8 di Genova con i voti della Cdl e di Di Pietro e Mastella è scoppia una feroce polemica nell'Unione. Con 22 voti contrari e 22 voti favorevoli la commissione non è riuscita ad affidare il mandato al relatore a riferire in aula. I due esponenti della Rosa nel Pugno, Cinzia Dato e Angelo Piazza, non hanno preso parte alle votazioni.

Caro Mario,
non riesco a capire come esponenti della RNP possano avallare tante nefandezze! Aiutaci a capire e a non farci perdere fiducia!
Fede


ciao Fede,
la tua domanda è più che legittima: noi radicali contro la Commissione d'inchiesta a G8???
Si tratta infatti di disinformazione, e a nulla son servite le dichiarazioni ansa di questi giorni, proprio per evitare malintesi.
Hai notato poi: i deputati socialisti, in questo caso, vengono chiamati Rosa nel pugno. di solito non accade mai...

ANSA 30 ottobre 2007
G8: i deputati radicali favorevoli alla Commissione d'inchiesta

• Dichiarazione dei deputati radicali della Rosa nel Pugno Marco Beltrandi, Sergio D'Elia, Bruno Mellano, Donatella Poretti e Maurizio Turco:

ora di religione


patrizia

è possibile affrontare il problema dell'ora di religione nelle scuole? alle elementari non esiste insegnamento alternativo ed alle medie paghiamo con le tasse lo stipendio ad un insegnante che fa lezione a 5 ragazzi su 20 (Scuola Moscati sez N) e spesso è un prete.


ciao patrizia, dici Moscati e mi fai pensare alla scuola media dove sono andato..
l'ora di religione cattolica come l'8 per mille sono norme contrarie alla libertà religiosa, diritto costituzionale sino ad oggi fortemente compromesso.
purtroppo è molto più facile che ce ne libereremo grazie alla crescita dell'immigrazione musulmana piuttosto che per fine dei favori clericali. Infatti entrambi gli isituti non possono durare se non estendendoli anche ai musulmani. E questo nessuno lo vuole.

un paio di anni fa sull'ora di religione feci un intervista su Avvenimenti
http://www.radicali.it/view.php?id=47835

Iniziative laiche locali


dave

Ciao, sono Davide da Genova.
Un mio amico m'ha detto che ha scambiato un paio d'email con Maurizio Turco nelle quali Maurizio gli ha consigliato di chiedere al Comune di Genova quanti e quanti sono gli immobili di proprieta' del Vaticano a Genova.
Come si fa questa procedura?
A chi dobbiamo rivolgerci?

grazie


Ciao Davide,
queste notizie possono essere chieste al Comune attraverso una richiesta di accesso agli atti o, meglio, con una interrogazione al sindaco.
per fare l'interrogazione, se non trovi un consigliere adeguato, puoi provare a verificare sullo statuto del comune se è possibile, come ad esempio a roma, di fare una interrogazione di iniziativa popolare, raccogliendo le firme tra i cittadini.

Altrimenti bisognerebbe fare ricerche direttamente al catasto

fammi sapere come va allora!

Staderini con Rosi Bindi e la Binetti.


finalmente uno serio

finalmente pure voi radicali con noi cattolici nel Partito Democratico.
Finalmente possiamo lottare insieme per eliminare la legge sull'aborto e sul divorzio...per impedire che ci siano altri casi di Welby...insomma insieme per riportare l'Italia indietro di 40 anni.
grazie


colgo l'ironia per dire che sarebbe proprio il contrario.
la candidature di un radicale alla segreteria del Partito democratico è un'opportunità di andare oltre quello che oggi è: due apparati di partito che si uniscono, e che provano ad apparire "americani".
Se non escluderanno la candidatura di Pannella, allora secondo regolamento da qui ad ottobre ci saranno confronti pubblici tra i candidati.
Ecco, se ci fosse Pannela, Veltroni non potrebbe parlare di kennedy o di king, ma dovrebbe dire quale è il suo programma su eutanasia, su ecomia, su giustizia, su droga; in quale modo governerebbe il partito etc.
E il Paese potrebbe scegliere quali metodi, quali meriti, quali strategie, quali storie debbono governare un partito nuovo.
Stiamo a vedere..ed intanto firmiamo la candidatura!

Incompatibilità di cariche


Simone Luchini

Ciao Mario, La domanda magari è poco attinente, ma afferisce comunque a regolamenti procedurali ed enti locali, come quello nel quale ti trovi.
Leggo dal sito del Comune di Milano che Silvio Berlusconi è consigliere comunale. Ma se non erro, è anche parlamentare del Repubblica Italiana. Non è prevista una qualche incompatibilità?
Che succede in questi casi?


ciao simone,
non c'è incompatibilità tra consigliere comunale e parlamentare.
ad es a roma alemanno è consigliere

esiste incompatibilità con le cariche regionali e parlamentari euroee, di solito il principio è che cariche di pari grado non sono compatibili.
si vede che cons comunale non è considerata di serie a ;-)

Nomina Difensore Civico: sconcertante?


Fabio Meloni

Salve Mario,
ti scrivo a proposito dell'elezione (mai avvenuta) del Difensore Civico del Comune di Roma e della nomina effettuata dal Presidente del Consiglio Comunale, Coratti, in sostituzione del voto del Consiglio. Coratti ha riconfermato l'uscente Marotta (77 anni) nella carica. Mi pare abbastanza grave che un Consiglio Comunale non riesca per ben 10 mesi a nominare un nuovo Difensore Civico e credo sia altrettanto grave che, vista la paralisi dell'Assemblea, ad essa si sostituisca, nella designazione di una figura così importante -. almeno teoricamente - per la tutela dei cittadini, l'azione del suo Presidente. Che ne pensi? E cosa si può fare?


il problema è serio, e riguarda la legalità delle istituzioni.
Noi radicali, Marco Pannella in particolare, abbiamo affrontato nel 2003 la questione delle mancate nomine nei termini di legge. si trattava della corte costituzionale, ricordi?
in quel caso dicevamo che il parlamaneto doveva essere convocato per una seduta "utile", nel senso che fino a quando non eleggevano qualcuno non si muovevano.

Questa era la soluzione da fare anche a Roma, e se ne è scelta una che non condivido.
Il Difensore civico è un organo di garanzia, non so se sia applicabile la norma che hanno citato per far nominare dal Presidente del Consiglio comunale anziche dai consiglieri.

Confraternite beni della chiesa in roma


Pina

Ho parlato con Sandro Orlando del Mondo a proposito dell'articolo "Patrimonio immobiliare della chiesa in Roma" e mi ha fatto il suo nome come persona che si stà muovendo per tutelare i diritti dei cittadini. Non sono una giornalista ma l'affittuaria di un appartamento della Confraternita [..] . Mi piacerebbe poterla incontrare per parlarle. Grazie per l'attenzione in attesa di un gentile riscontro


Ciao Pina,
scrivimi una mail a mario@staderini.it o telefonami al numero in home page. vediamo quello che riusciamo a fare

8 per mille per le case


Francesco

Leggo il tuo ultimo comunicato sul destinare l'8 per mille "senza crocetta" al edilizia pubblica. Sarebbe bello se Emma riuscisse a trovare una convergenza con altri ministri su questa iniziativa già prima del prossimo consiglio dei ministri in cui si discuterà del piano casa del duo Di Pietro-Ferrero.
Bravissimo, comunque.


Grazie Francesco,
purtroppo non credo ci siano le condizioni affinchè questa proposta http://www.radicali.it/view.php?id=97224 passi in Consiglio dei Ministri.
Potrebbe però avere spazio in Parlamento, e spero di tradurla presto in disegno di legge.

Tieniamo duro!

Pedofilia nella chiesa cattolica


Enzo Pizzuti

Caro Mario;

Risidedo da anni negli USA e precisamente a San Antonio, Texas. Sono abbonato alla RAI International cosi' posso seguire dal vivo le vicende Italiane da qua', anche se annualmente ritorno in "Patria" per un mese.
Giovedi' passato vedendo Anno Zero dove c'eri anche tu come guest, ho sentito da Santoro che presto verra' teletrasmessa il programma inerente alla pedofilia nella chiesa cattolica. Essendo cresciuto in Italia fino all'eta' di 22 anni, alcuni miei amici che studiavano in seminario a San Miniato (Pisa) mi dicevano che quasi giornalmente venivano "molestati" da altri senior seminaristi e da qualche prete. Io a quel tempo stentavo a crederci.
Ora che questa storia di pedofilia nella chiesa cattolica si sta' allargando come una macchia d'olio, credo che dette molestie siano avvenute.
Credo anche che il papa e cardinali continuino a negare perche' ammettendo cio' perderebbero ulteriormente fedeli. A me mi hanno perduto anni fa'. Credo anche che ammettendo' cio' la chiesa dovrebbe pagare miliardi di euro/dollari, affinendo le casse vaticane.


Ciao Enzo,
dal Texas, wow!
Non si può generalizzare,ma che la pedofilia sia un problema all'interno del clero è innegabile. Quanto alle cause, io credo dipenda molto dall'approccio sessuofobico delle gerarchie vaticane.
Discorso diverso, invece, quello della politica vaticana di non denunciare alla giustizia statale i responsabili di atti di violenza. Non ha aiutato a ridurre il fenomeno, anzi, ne a tutelare i bambini.

In Italia è vero, non se ne riesce a parlare e ci sono evidentemente anche rischi di mega risarcimenti danni.

Ciao allora, e ..keep in touch!

Staderini, il coraggio laico e la muccassassina


Giulio De Nichilo

Ciao Mario, ti ho visto sul palco della muccassassina per la manifestazione di piazza navona, cosa che mi ha fatto molto piacere. Finalmente si da visibilità a quanto il partito fa per il mondo lgbt. Non potresti essere piu presente nelle serate gay o anche le associazioni gay sono come la rai tv? oscurantiste?


Ciao Giulio,
direi il contrario.
A parte una certa ritrosia di parte dell'Arcigay, in questi ultimi anni le associazioni GLBT hanno iniziato a tornare attive: lo abbiamo visto con la delibera di iniziativa popolare su registro unioni civili che a Roma ci vede insieme nel Comitato promotore, e con Coraggio Laico, dove oltre a Mucca anche Circolo degli artisti e Alibi hanno dato spazio e disponibilità.

In ogni caso hai ragione, occorre insistere e capire quanto sia importante tornare a fare politica vera, come ai tempi del F.U.O.R.I.
a prestissimo in pista allora!

Atti del Consiglio municipale


Roberto Tomassi

Mario,
ho trovato molto utile il servizio di notifica delle decisioni del Consiglio che avevi deciso di metter in piedi (vista la latitanza del Municipio). Purtroppo vedo che hai mollato presto (gli aggiornamenti sono fermi alla metà di aprile) e sono sicuro che avrai i tuoi buoni motivi. Ho notato la cosa perché aspettavo con una certa curiosità la decisione del Consiglio sul cambio di destinazione del palazzo del Senato. Mi tengo la cusriosità ma vorrei farti una proposta. La Casa della Città (che dovresti conoscere) ha messo su un sito web molto ben fatto che però scarseggia un po' di contenuti. Secondo me si potrebbe pensare ad una sezione di tale sito per pubblicare tempestivamente gli atti del Consiglio. Nell'ultima riunione della Casa della Città si era anche parlato di una certa autogestione del sito da parte delle associazioni ed io dovrei essere uno di quelli deputato al suo aggiornamento. L'unica cosa di cui avrei bisogno sono i resoconti delle riunioni. Come la vedi?
Ciao, Roberto


Ciao Roberto,
hai ragione, la parte atti non è aggiornata.
Il motivo è semplice, non riesco ad avere il tempo per essere tempestivo anche perche gli atti me li devo copiare a mano.
Ma non ho mollato però!

La tua proposta su La Casa della Città (che è espressione del Municipio) è ammirevole, solo che c'è un fatto: questi atti dovrebbero essere messi sul sito del Municipio, come accade in tutti gli altri Municipi. Da noi non accade, e non sono ancora riuscito a capire perchè.
Quello è il luogo deputato, e l'aver pubblicato sul mio sito gli atti è stato un modo per denunciare il mancato funzionamento del sito municipale.
Io credo nella circolazione di idee, quindi sei autorizzato a copiare e mettere sul sito de La Casa della città tutti gli atti che pubblico, con l'unica preghiera di citare la fonte, cioè il mio sito.
ciao
;-)

Permessi Auto elettriche 2007


Fabrizio Monticciolo

La mia società ha acquistato un mezzo elettrico considerando che il
permesso ZTL per le autoelettriche era gratuito ma viste le multe arrivate mi è sembrato il contrario. Ora trovo la vs. informativa "CONSIGLIO DEL 22 e 23 MARZO
Discussione e votazione:
1) Odg su Permessi ZTL/auto elettriche
approvata la richiesta al Comune di rendere gratuito l'accesso alle auto elettriche ".
Ho cercato sul sito del comune e non vi è traccia della della delibera dove trovo il testo " integrale " così richiedo il Permesso e allego il testo della delibera per evitare nuove noie.


Ciao Fabrizio,
purtroppo hai ragione, il Comune ha deciso, a partire dal 2007, di far pagare l'ingresso alla ZTL per le auto elettriche.

La ZTL, infatti, secondo la politica comunale, ha due finalità:
la prima, ridurre il traffico di macchine al suo interno;
la seconda, indiretta, ridurre l'inquinamento.

L'auto elettrica, quindi, non risponde al primo criterio, che si dimostra principale, e per questo viene costretta a pagare a prezzo pieno.
Si teme che, siccome a Roma ci sono 100.000 "ricchi", che possano comprarsi tutti la macchina elettrica per entrare in ZTL.
Io direi "magari!".